La chitarra di Django

16,00

Fabrizio Silei (Premio Andersen 2014 come migliore scrittore) racconta la vicenda di uno dei più leggendari chitarristi della storia, del suo talento e della sua forza d’animo.

La storia del grande chitarrista Django Reinhardt raccontata dal punto di vista della sua più fedele compagna: la sua inseparabile chitarra. Dalle umili origini gitane (sinti) al successo mondiale, la vicenda di Django è narrata con leggerezza e poesia da Fabrizio Silei e illustrata magistralmente da Alfred. Punto cruciale della storia è il grave incendio in cui Django perde l’uso di due dita della mano sinistra, mignolo e anulare. Costretto a reinventarsi una tecnica straordinaria e innovativa, dimostrerà così che anche un grave ostacolo può essere brillantemente superato grazie alla forza di volontà.
Il testo, ricco di onomatopee musicali, e le suggestive illustrazioni ci portano nella magica atmosfera della Parigi degli anni ‘30, di cui la musica di Django è stata una importante colonna sonora

2 disponibili

Scritto da: Fabrizio Silei

Illustrato da: Alfred

ISBN: 978889691828

Casa editrice: Uovonero

Pagine: 40

Formato: Albo con copertina rigida

COD: 978889691828 Categorie: , , Tag: , , , , ,

Fabrizio Silei (Premio Andersen 2014 come migliore scrittore) racconta la vicenda di uno dei più leggendari chitarristi della storia, del suo talento e della sua forza d’animo.

La storia del grande chitarrista Django Reinhardt raccontata dal punto di vista della sua più fedele compagna: la sua inseparabile chitarra. Dalle umili origini gitane (sinti) al successo mondiale, la vicenda di Django è narrata con leggerezza e poesia da Fabrizio Silei e illustrata magistralmente da Alfred. Punto cruciale della storia è il grave incendio in cui Django perde l’uso di due dita della mano sinistra, mignolo e anulare. Costretto a reinventarsi una tecnica straordinaria e innovativa, dimostrerà così che anche un grave ostacolo può essere brillantemente superato grazie alla forza di volontà.
Il testo, ricco di onomatopee musicali, e le suggestive illustrazioni ci portano nella magica atmosfera della Parigi degli anni ‘30, di cui la musica di Django è stata una importante colonna sonora